In questi giorni di pioggia ho trascorso molto tempo in casa.
Questo mi ha portato a riflettere.
Sovente capita che, i miei clienti, mi riportino noiose routine, per loro e per i miei pazienti o grandi difficoltà a trovare i modi e gli spazi adatti per giocare insieme, nelle giornate di maltempo.
Uno dei nostri “doveri”, nel relazionarci con queste persone, è quello di rompere vecchi schemi e riuscire ad arricchire la relazione.
Quando pensiamo ad un’attività con il cane, subito la nostra immaginazione vola a corse in spazi aperti, interessantissime gite tra i boschi, giochi di movimento, ricerca…tutte cose impossibili da riprodurre in pochi metri quadri.
Eppure… eppure c’è molto da fare in casa.
Una giornata di maltempo può trasformarsi in un momento di “regressione” guidata all’infanzia, di condivisione di spazi in luoghi ristretti, di nuove regole e nuovi apprendimenti.

Tutto questo passa attraverso il gioco e dal gioco non possiamo far altro che tirare fuori emozioni positive e nuovi apprendimenti.


Il gioco indirizzato dall’adulto o “guided play” può essere efficace nel promuovere l’apprendimento 
(Skolnik Weisberg et al., 2013)

Avere una maggiore consapevolezza del ruolo del gioco nel favorire l’apprendimento può portare miglioramenti anche all’interno del nostro sistema relazionale e nell’adattamento al contesto sociale.

Esattamente come per la pedagogia, anche in cinofilia il gioco è fondamentale.

In termini cinotecnici: 
il gioco favorisce l’apprendimento, la concentrazione, l’autoefficacia, la gestione degli autocontrolli (specialmente in casa) e aumenta il nostro accreditamento.


Rendere felice un cane è il primo passo per ottenere la sua stima, il suo rispetto e creare una relazione inscindibile.

Quindi cosa possiamo fare in casa?
La parola d’ordine è CREATIVITA’

1-Percorso “Agility”

Un’attività che suggerisco sempre, anche per i cani anziani con le dovute precauzioni, è un piccolo percorso ad ostacoli in casa.
Costruire uno slalom con i cuscini, una “scala a terra” con i manici della scopa, dei passaggi stretti tra le sedie, un tunnel sotto gli ombrelli…

Tornate un po’ bambini, provatelo con il vostro cane, vi ringrazierà come solo lui sa fare!

2-Ricerca olfattiva
Chi ha detto che la ricerca si possa fare solo in esterno?
Ci sono davvero molti modi di declinare questo tipo di attività.
Potrete nascondere delle crocchette o dei bocconcini in giro per la casa e aiutare il vostro cane nella ricerca.

Mi raccomando, deve essere FACILISSIMO.
Il cane inesperto infatti andrà guidato in questo nuovo gioco e, per quanto possa sembrare strano, il fiuto è una capacità che va esercitata! 
Il vostro cane andrà “a vista” le prime volte.
Non esagerate.
A nessuno piace sentirsi incapace in un gioco.

3-Problem solving
Ne avrete certamente sentito parlare o avrete avuto modo di vedere qualche video su internet.
I “problem solving” sono dei puzzle di logica che il nostro amico, cane o gatto, deve risolvere… a modo suo.
Personalmente li ritengo il gioco più controverso in commercio.
I proprietari. infatti, sono invogliati all’acquisto da motivazioni e aspettative ben precise:

  • la PERFORMATIVITA’ : il mio cane DEVE risolverlo
  • le ASPETTATIVE: il mio cane LO RISOLVERA’ SUBITO e BENISSIMO 
  • Il mio cane lo farà secondo il mio PERSONALE MODO DI RISOLVERLO
Cane perplesso con plancia gioco

Un po’ come quei genitori che portino il loro figlio a calcio (ad esempio).
Vogliono che si diverta e che lo faccia come dicono loro, nel ruolo che loro definiscono, ma che non chiedono mai al loro bambino se ami realmente fare quel gioco, in quel ruolo e con quelle restrizioni.

Siamo noi nella vita di un altro e lo facciamo anche con i nostri cani.

Il problem solving è un momento del cane, per il cane che deve interessare al cane, non a noi.
Il nostro ruolo deve essere di supporto, di guida e, al bisogno, di conforto.

Allora cosa possiamo fare?
Non c’è bisogno di comperare le costose plance da gioco, per stimolare il nostro amico in casa saranno sufficienti dei bicchieri da rovesciare con sotto un premietto, un tappeto da arrotolarein cui nascondere dei bocconcini, un rotolo di scottex da rompere e aprire…

Il segreto di questi giochi è:

NON CHIEDERE MAI NULLA AL CANE 
Non è un gioco a comandi! 
Niente seduto, terra, resta….A voi piacerebbe se, in un momento di massima concentrazione, qualcuno vi iniziasse a gridare di fare 10 flessioni?
Ovviamente no.

NON DIRE MAI DI NO
E’ molto molto molto frustrante quando, al massimo del nostro impegno, qualcuno sia lì pronto a criticarci.

4- Masticazione
La masticazione è davvero una cosa importantissima per i nostri cani.
Ha il potere di appagare il bisogno di utilizzare la bocca, di placare la fame, di facilitare la calma e la concentrazione ma…c’è sempre un ma…
La masticazione va guidata, insegnata, accompagnata….
Per cui, in caso di un gioco in casa, vi suggerisco un modo semplice di conciliare più bisogni, senza addentrarvi nel mondo della prattognosi.

Caramelle di carta

Caramelle di carta
Uno dei giochi preferiti dal mio cane.
Potrete preparare delle “caramelle di carta” con dentro ciò che preferite.
Io personalmente vario dal masticabile #pro 
(pelle di bufalo, trachee, legamenti…) alle semplici crocchette.
Scelgo il masticabile a seconda di ciò che voglia ottenere e dallo stato di attivazione della mia amica.
Nel nostro caso il gioco si compone di più parti:

  • Effettuiamo un breve percorso ad ostacoli
  • Nascondo le caramelle per permetterle di fare una ricerca
  • Le lascio gestire e “scartare” le sue caramelle a piacimento

Per iniziare potrete semplicemente lasciare la caramella al vostro cane e permettergli di esplorarla in libertà.

L’utilizzo della carta, in questo caso, diventa un modo per permettere al cane di IMPARARE ad utilizzare la bocca e il morso in modo fine.
L’animale deve impegnarsi nella dissezione se non vuole mangiare la carta e questo gli permette di concentrarsi e sfogarsi al tempo stesso.

*la carta inoltre, se ingerita in piccole quantità, non crea problemi*


Versioni più “complesse” e strutturate di questo gioco vedono l’utilizzo di stracci, tovaglioli, federe.

L’unica cosa, la più importante, ciò che deve sottendere a tutte le attività ludiche con il nostro cane è:
NESSUNA PERFORMATIVITA’
Il gioco è divertimento, spensieratezza, un momento di condivisione, senza critiche, scevro da giudizi e al di fuori delle normali regole.

Nessun comando. Nessuna sgridata. Nessuna aspettativa.
DIVERTITEVI!

Insomma, approfittate anche di queste giornate uggiose per condividere del tempo con il vostro cane.


Ogni minuto è prezioso per arricchire la vostra relazione.

Condividi