Natale è alle porte… perché non va bene regalare animali?

Cucciolo in pacco regalo

Natale si avvicina e si moltiplicano sui social #emozionantissimi video in cui viene immortalato il momento della sorpresa tanto desiderata.

Un cucciolo o un gattino sotto l’albero…

In molti abbiamo condiviso questo desiderio durante l’infanzia.

Analizziamo questi video…

Immagine tratta dai video

Prendiamoci del tempo per analizzare questi struggenti video…
In quasi ogni incontro, tutti i bambini strillano e corrono, una reazione assolutamente appropriata per un bimbo che esprima gioia,
ma ciò genera una reazione di paura in molti dei protagonisti a quattro zampe:

  • scappano
  • si rannicchiano
  • si acquattano.

Di certo non può essere definito un buon #primo incontro.
Inoltre, molti dei cuccioli, sono davvero piccoli e certamente allontanati dalla madre troppo presto.

In Italia un cucciolo non può e non deve essere adottato prima dei 65 giorni oltre che per motivi legali, anche per motivi etici, legati al corretto sviluppo psico-pedagogico del piccolo.

Traffico di cuccioli illegale

Non dobbiamo poi sottovalutare ciò che si nasconde dietro questi regali.
Il fiorente commercio ILLEGALE di cuccioli provenienti dall’est o da allevatori senza alcuna etica, che affonda le sue radici nella sofferenza dell’animale.
Cani e gatti che fin da piccoli hanno dovuto subire traumi e abusi e spesso soffrono di patologie invalidanti causate dagli incroci sconsiderati o incubano infezioni che si rivelano mortali, come la parvovirosi.

Adozioni in canile?

Cane adulto, con fiocco

Lo stesso discorso può essere declinato anche per le adozioni in canile, o le così dette adozioni del cuore, spesso promosse soprattutto durante il periodo delle feste.

Il desiderio di adottare un cane adulto e in difficoltà è una cosa che condividiamo e supportiamo, tuttavia occorre comprendere che un’adozione non è un gesto autoconclusivo, ma è un impegno concreto e per la vita.

Un animale, sia esso cucciolo o un adulto bisognoso,
NON DEVE essere adottato come regalo memorabile,
ma considerato a tutti gli effetti essere senziente e nuovo membro della famiglia.

Un animale adottato non sarà magicamente perfetto per “gratitudine” nei nostri confronti: avrà bisogni e necessità, paure e difetti.
E’ fondamentale essere consapevoli di cosa e quanto si possa investire in un adozione.
E’ necessario essere supportati da esperti durante la scelta del nuovo compagno, per
non incorrere nell’errore di portare con noi animali con problematiche al di fuori della nostra portata; come invece accade sovente quando ci si affida ad annunci on-line o alle rassicurazioni di volontari non sinceri.

Se non avete una vita routinaria e siete fuori 12h al giorno non potete adottare un cucciolo che debba crescere in solitudine,
parimenti, se vivete in una grande città piena di rumori e stimoli, non potrete occuparvi di un adulto che abbia vissuto la sua intera vita solo in canile.

Questi sono solo alcuni esempi di ciò che dobbiamo considerare nell’adottare un animale…

E’ davvero sbagliato far convivere bambini e animali?

Cane e bimba a passeggio

Ovviamente no.
La convivenza non è sconsigliata, ma implica una costante ed attenta supervisione da parte degli adulti.

Se infatti diversi studi dimostrino l’”effetto benefico” della compagnia animale, sia dal punto di vista immunitario che psicologico,
è anche vero che
la maggior parte degli episodi di morsicatura e aggressioni avvengono proprio a carico dei bambini.

I bambini possono convivere con gli animali, ma l’interazione, soprattutto fino agli 8 anni, età in cui il bimbo inizia ad avere maggiore empatia e a comprendere il pensiero altrui,
deve essere SEMPRE supervisionata dagli adulti, che saranno gli unici responsabili del comportamento di entrambi.

Non possiamo addossare la colpa dell’aggressione al nostro pet,
se abbiamo permesso che il bambino continuasse ad infastidirlo o li abbiamo lasciati ad interazioni spontanee.

Interazione Cane-Bambino

– Non possiamo pensare che un cucciolo si educhi da solo, se non gli dedichiamo le dovute attenzioni, che nel primo anno di vita, sono tantissime.
Inoltre se mal gestito ed educato, anche per l’animale stesso ci sarà la possibilità di sviluppare problemi comportamentali, che dovranno necessitare del supporto del medico veterinario esperto in comportamento, ma assai più spesso, ahimé, si concludono con l’abbandono o la rinuncia di proprietà.

Un insegnamento non certo costruttivo per un bimbo.

Quindi chi può adottare un animale e quando?

Chiunque può adottare un animale,
ma deve essere una scelta RESPONSABILE!
Occorre tenere conto di tutte le difficoltà che possano esservi:

  • l’educazione del nostro animale, che deve essere supervisionata da professionisti
  • le vacanze o le uscite, momenti nei quali dovremmo occuparci della sistemazione del nostro amico se non potrà essere con noi
  • le necessità fisiologiche FONDAMENTALI per rispettare e favorire il benessere del nostro animale. Cacca e pipì si fanno fuori, tre volte al giorno, con il sole e la pioggia, sempre…SENZA TRAVERSE IN CASA
  • Necessita anche economiche: un alimento di buona qualità, profilassi igienico sanitaria sono costose e variano in base alla taglia e all’età.
  • Le giuste e dovute cure Mediche Veterinarie!
    In Italia la medicina veterinaria è privata ed è doveroso prendersi cura del nostro animale, senza lesinare, più del comperare la cuccia con i brillantini.

Come scegliere l’animale più adatto a vivere con noi?

L’importanza della consulenza pre-adottiva è determinante per una vita serena insieme, così come la visita preventiva cucciolo
(leggi questo articolo)
In questo modo un MVEC potrà, sulla base delle le esigenze del vostro sistema famiglia, comprendere e suggerire quali caratteristiche debba avere in nuovo membro e soprattutto valutare immediatamente quali siano le sue difficoltà, se presenti, ed indirizzarvi quanto prima in un adeguato percorso di gestione e prevenzione.

Se dunque per questo Natale con la vostra famiglia avete deciso responsabilmente, a tavolino, di adottare un nuovo membro della famiglia, richiedere la consulenza di un MVEC per la scelta e la valutazione del cucciolo sarà un investimento importante, per tutta la SUA esistenza.

https://www.youtube.com/watch?v=45jlE1ep6tU&t=258s

Condividi